Credito d’imposta per investimenti in beni strumentali

Al fine di supportare e incentivare le imprese (indipendentemente dalla natura giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione, dal regime contabile e dal sistema di determinazione del reddito ai fini fiscali) che investono in beni strumentali funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi in strutture ubicate nel territorio dello Stato, è riconosciuto un credito d’imposta (utilizzabile esclusivamente in compensazione in tre quote annuali di pari importo), in misura variabile dal 6% al 50% in base all’importo, alla tipologia di investimento (4.0 oppure “standard”) ed al periodo di riferimento.

Il credito d’imposta si applica agli investimenti effettuati a decorrere dal 1° gennaio 2020 ed è inoltre cumulabile con altre agevolazioni  che abbiano ad oggetto i medesimi costi nei limiti massimi del raggiungimento del costo sostenuto (es: garanzia del Fondo di Garanzia per le PMI, Nuova Sabatini, ecc.)

E’ sufficiente recarti in filiale e chiedere informazioni sul
credito d’imposta per investimenti in beni strumentali